Tre volte Capodanno

2016/12/31, 06:26


annonuovo1

Era il 2001 ed io mi trovavo in Moldova per la prima volta per trascorrervi le feste di Natale e Capodanno. La Moldova di quei tempi non era certo quella di oggi, le influenze “sovietiche” erano ben più evidenti, la nebbia del “bolscevismo” non si era ancora diradata del tutto. Mi ricordo che il 25 Dicembre mi aggiravo a bocca aperta per la città nell’osservare che del Natale cattolico in Moldova non fregava niente a nessuno. Fu uno shock per me, abituato com’ero a considerare il Natale la festa della famiglia riunita dove nessuno poteva fare a meno del brodo con il cardone, i fritti in pastella e le lasagne. (altro…)

Leggi tutto




Il nuovo anno

2016/12/29, 05:59


download

Fra un paio di giorni arriverà il nuovo anno. Sarà il 2017, l’anno del gallo in Moldova. Ho cercato per anni, senza riuscirci peraltro, di capire come mai in Moldova si segue la cabala cinese. Sono stramberie, innocue a dire il vero, alle quali bisogna fare l’abitudine per chi ha deciso di vivere nel paese delle dolci colline. Nel 2017 i moldavi si regaleranno un gallo come portafortuna, visto come è andata negli anni precedenti forse è meglio abbandonare questa tradizione. La fortuna, qui in Moldova, non è proprio di casa. Men che mai nelle campagne, dove con il gallo ci fanno al massimo le “racituri”, carne in gelatina. (altro…)

Leggi tutto




Basarabia

2016/12/04, 06:47


download

Fin dal primo giorno che ho messo piede sui marciapiedi sconnessi di Chisinau ho sentito parlare di Basarabia. Ricordo che mi chiesi cosa avesse a che fare la Moldova con i cammelli, il deserto e Maometto. In un primo momento ho pensato anche fosse un quartiere della capitale dove abitavano gli arabi. Come Little Italy di New York lo era per gli italiani all’inizio del XX° secolo. Ero curioso di vedere il quartiere dove abitavano gli arabi tanto è vero che un giorno chiesi a mia moglie dove si trovava. Quando facevo queste domande mia moglie nutriva forti dubbi sulla opportunità di aver contratto matrimonio con un italiano. Ero tratto in inganno dalle assonanze italiche di quel “arabia”e dal fatto, a quanto mi dicevano, che in Moldova era presenti molti turchi. Era un pensiero sbagliato perché i turchi non sono di etnia araba.

Leggi tutto




Una risata ti allunga la vita

2016/12/01, 14:56


970009_10201153236306170_1682090955_n

Leggo su un giornale che in Italia la gente ha un’aspettativa di vita di 82 anni, detto in parole povere: gli italiani vivono mediamente fino 82 anni. Il bel paese è messo molto bene nella classifica mondiale per quanto riguarda la vita media dei suoi abitanti, è all’undicesimo posto. E’ un dato che conferma che l’Italia non è bella solo per la sua cultura e per i suoi monumenti ma anche perché si vive più a lungo.
Mi pongo però con una certa apprensione alcune domande: mi sono trasferito in Moldova da qualche anno, nel tempo che ho vissuto in patria mi sarò guadagnato il privilegio di vivere fino a 82 anni? Oppure questo benefit mi si è azzerato per aver abbandonato l’aria salmastra della mia natia Pescara per rifugiarmi nel paese delle dolci colline?  (altro…)

Leggi tutto




Pillole e condom

2016/11/29, 05:18


nunta

In Italia i ragazzi di 10-12 anni si sottopongono alla cerimonia della Prima Comunione: una tradizione cattolica rispettata dalla quasi totalità delle famiglie. E’ un rito quasi obbligato per tutti i credenti che esula dal mero rito religioso, rappresenta il passaggio dalla fanciullezza alla gravosa responsabilità del buon cattolico. Prima della data fatidica, il ragazzo viene “catechizzato”, cioè apprende le regole per divenire un buon cattolico. E’ una specie di iniziazione al mondo religioso.
Anche in Moldova esiste una sorta di cerimonia di iniziazione per i giovani, ma non alla vita religiosa, ma bensì alla società civile, un rito che sancisce per i giovani moldavi il passaggio dall’adolescenza alla maturità sociale: è quella del Primo Matrimonio. In Italia c’è la Prima Comunione, in Moldova il Primo Matrimonio. (altro…)

Leggi tutto




Orfani bianchi abbronzati

2016/11/25, 06:08


images-1

E’ a tutti noto che la grande maggioranza dei moldavi pensano di lasciare il loro paese per emigrare. I motivi sono sempre gli stessi da alcuni decenni a questa parte: mancanza di posti di lavoro, salari da fame, assoluta mancanza di prospettive per i figli, corruzione dilagante. Da almeno venti anni un milione di moldavi sono emigrati, la metà verso la Russia, il resto verso mete più lontane. In Italia si calcola che i moldavi sono intorno a duecentomila, nella maggior parte donne. (altro…)

Leggi tutto




Turatevi il naso e andate a votare

2016/11/10, 06:16


download

Dunque domenica Igor Dodon e Maia Sandu si contenderanno al ballottaggio la carica di Presidente della Moldova. E’ in pieno svolgimento la campagna elettorale dove volano gli stracci! I due candidati fanno largo uso, nelle dichiarazioni pubbliche, dei soliti insulti e accuse infamanti, tanto in auge in occidente. La Moldova, almeno in questo, è già entrata di diritto nel novero dei paesi occidentali. Stando ai sondaggi, pare che Dodon vincerà anche il ballottaggio con largo margine. Qui in Moldova non sono pochi a sperare che i sondaggi hanno la stessa credibilità di quelli USA che vedevano la Clinton vincente. Abbiamo visto tutti com’è andata a finire. (altro…)

Leggi tutto




Il mistero di Vasile

2016/11/07, 05:57


Ci sono storie talmente inverosimili, paradossali, che si stenta a credere che siano vere tanto sono strane e incredibili. Forse questa che mi accingo a raccontare è una di queste.

La Cancelliera tedesca Angela Merkel arriva in visita ufficiale a Chisinau. Una visita breve, la sera stessa sarebbe ripartita. Il Primo Ministro Pavel Filip va a riceverla con tutti gli onori all’aeroporto. Dopo le cerimonie di rito, la delegazione parte per raggiungere il centro della città. Seguono pranzo ufficiale e colloqui, il programma poi prevede una breve visita alla fabbrica di dolciumi Bucuria. Fiore all’occhiello dell’industria dolciaria moldava. (altro…)

Leggi tutto




Caffè e zuppette

2016/11/03, 17:49


Borsch

La mattina è mia abitudine, quando posso, di sedermi in una bar e gustarmi un buon caffè. Sono i piccoli privilegi di chi è in pensione e ha tempo da perdere, ammesso e non concesso che bere un caffè a metà mattina sia tempo perso. Vicino casa ci sono diversi locali che fanno un buon caffè, l’intruglio di colore scuro di qualche anno fa è ormai un lontano ricordo. Un po’ tutti hanno capito da queste parti che le miscele italiane sono fra le migliori al mondo e usano solo quelle, anche se persistono qualche difficoltà nell’uso della macchine professionali per caffè espresso e cappuccini. Ci vuole tempo, i baristi moldavi impareranno.

L’ora del caffè è fra le 10.30 e le 11.00. E’ una abitudine “italiana” che io e la mia signora abbiamo conservato anche qui in Moldova. Non mancano al mattino alcuni amici che condividono con noi questa abitudine, gustare un caffè per darsi una “spinta” verso le undici è una necessità abbastanza diffusa in Italia.

Leggi tutto




Un atto di coraggio

2016/11/01, 07:23


download

Sulla strada per Orhei, a una trentina di chilometri da Chisinau, ci sono i raccoglitori di funghi. In questi giorni li vedi ai bordi della strada con i secchi pieni del profumato vegetale. A destra e a sinistra della strada c’è un boschetto dove crescono i funghi, poi il clima fa il resto.

Da qualche anno, con totale sprezzo del pericolo, compero funghi da loro. Orhei si trova sulla strada per andare da mia suocera, ci passo spesso. Quando mi trovo da quelle parti butto sempre un’occhiata per vedere se c’è qualche venditore. Sono ghiotto di funghi. (altro…)

Leggi tutto