Ultime notazioni dell’anno

2014/12/31, 05:50


2015

Per una tradizione che mi è difficile capire i moldavi seguono lo zodiaco cinese. Secondo questo zodiaco ogni anno viene dedicato ad un animale. L’anno che si sta per chiudere è stato l’anno del cavallo. L’anno che verrà sarà l’anno della capra. Infatti in questi giorni i moldavi si regalano pecore e capre in miniatura o di peluche. Gli italiani in Moldova sono costretti a seguire anche loro questo calendario esotico. Anche se tutti ricordano con struggente nostalgia il 2008, l’anno del topa.

Un’altra banca qui in Moldova è sotto inchiesta per procedure poco chiare. Forse è meglio tenere i risparmi in un barattolo e nasconderlo sotto il mattone. Infatti barattolo in russo si dice “banca”. Una “banca” sicuramente più sicura di quelle moldave. (altro…)

Leggi tutto




Cuori nella tormenta

2014/12/29, 16:42


29122014(002)

Ha nevicato tutta la notte. Stamane eravamo alla finestra come due bambini con gli occhi lucidi ad ammirare il grande spettacolo della natura. Siamo subito usciti per affrontare la classica marcia forzata sulla neve a lungo sognata. Aspettavamo questo giorno da mesi. Abbigliamento d’ordinanza: tre maglie di lana, mutandoni lunghi, sciarpa, guantoni, cappello con copri orecchie e tragico cappotto siberiano. Mia moglie sembrava Anna Karenina in procinto di incontrare il Conte Vronskji. Usciamo decisi ad affrontare la bufera con i cuori pieni di emozione. La neve ci sferza la faccia e riempie tutti gli orifizi. Tranne uno.
– Perché ridi? – mi fa mia moglie.
– Non sto ridendo e che non riesco a governare i muscoli facciali – ribatto io biascicando le parole come un ubriaco. (altro…)

Leggi tutto




Stelle di Natale

2014/12/27, 06:55


Il Presidente della Romania, Klaus Iohannis, farà una visita in Moldova in Gennaio. Ma perchè era ripartito per la Romania? E quando?

I moldavi che lavorano in Russia, sono circa 700.000, causa la crisi economica di quel paese saranno costretti a tornare in patria. Poco male, possono sempre andare a lavorare in Romania.

I moldavi sono alle prese con una lunga serie di feste. Fra Dicembre e Gennaio se ne contano almeno una decina. Da citare nel Guinnes dei primati! Sfruttano i due calendari…”Craciun pe stil nou”…”Cracuin pe stil vechi”…e via di questo passo. Il 31 Dicembre addirittura lo festeggiano due volte: mezzanotte a Mosca e un’ora dopo quella di Chisinau. Io sono ancora più fortunato, festeggio tre volte: un’ora dopo Chisinau festeggio la mezzanotte italiana.

Leggi tutto




Luci e ombre

2014/12/22, 05:43


19122014(001)

Quest’anno le luminarie di Natale a Chisinau sono davvero belle (guardate la foto).  Il sindaco della città non ha badato a spese, con i pochi denari disponibili ha allestito uno spettacolo di luci davvero straordinario. Certo Chisinau non è Las Vegas ma si sente nell’aria quell’atmosfera di festa che negli anni passati si stentava a percepire. I moldavi hanno molto apprezzato, l’altra sera c’erano molti ragazzi che si fotografavano in mezzo alle luminarie incuranti del freddo pungente. Invito i moldavi over trenta, una volta tanto, ad uscire la sera e ammirare lo spettacolo, ne vale la pena. So di chiedere molto ma una volta tanto si può infrangere l’abitudine di rinchiudersi in casa sul calare della sera. Di giorno non si può gustare lo sfavillio di luci. Non devono far altro che salire su una rutiera spendendo tre lei e ammirare lo spettacolo. (altro…)

Leggi tutto




Non smettiamo di respirare

2014/12/20, 06:42


corruzione

Marco Porcio Catone qualche migliaio di anni fa diceva:” I ladri di beni privati passano gli anni in prigione e in catene, quelli dei beni pubblici nelle ricchezze e negli onori”. Porcio Catone era romano, non ancora italiano, ma già sapeva come sarebbe andata a finire.
Non scopro certo l’America nell’affermare che la corruzione è il principale impedimento della società moldava a uscire dal gorgo del sottosviluppo economico e dalla povertà. Ho scritto a tal proposito diversi articoli. Non passa giorno che i giornali sbattono il corrotto in prima pagina: poliziotti, medici, giudici, sindaci. (altro…)

Leggi tutto




Tredici giorni

2014/12/18, 05:41


colinde1

Il governo moldavo ha stabilito che il 25 Dicembre, il Natale cattolico, è festa per tutti gli impiegati pubblici. Non è una notizia di poco conto se si pensa che fino a un paio di anni fa il 25 Dicembre era un giorno lavorativo come un altro. Come tutti sanno la Moldova è un paese a stragrande maggioranza ortodossa e riconosce per tradizione millenaria il calendario giuliano. Cioè celebra il Natale il 7 Gennaio e in tutte le sue ricorrenze religiose si basa sul calendario promulgato da Giulio Cesare circa duemila anni fa. Fu Papa Gregorio XIII nel sedicesimo secolo a promulgare il calendario chiamato appunto “gregoriano”. Nel sedicesimo secolo, gli astronomi si accorsero che l’anno del calendario seguito fino ad allora era più corto di 11 minuti rispetto all’anno solare. (altro…)

Leggi tutto




Del domani non c’è certezza

2014/12/15, 06:20


giovani

C’è nella letteratura italiana un sonetto di Lorenzo De Medici scritto circa cinquecento di anni fa che descrive alla perfezione la situazione attuale dei giovani moldavi.
“Quant’è bella giovinezza
che si fugge tuttavia!
Chi vuol essere lieto, sia
del domani non c’è certezza.”
Questi pochi versi datati esprimono il concetto del carpe diem, in special modo in quel “domani non c’è certezza”, vivi il presente senza pensare al domani. In queste pochi versi c’è tutto il modo di pensare dei ragazzi moldavi tenendo conto ovviamente della situazione socio-economica del paese. Che dire poi di quel “chi vuol essere lieto, sia”, che in parole povere significa godi ora perché domani non si sa cosa potrebbe succedere? Potrebbe essere il motto dei ragazzi moldavi! (altro…)

Leggi tutto




Passeggiando sotto la pioggia

2014/12/11, 07:28


pioggia

Ieri abbiamo fatto una puntatina in centro città. Di solito preferiamo rimanere nel nostro quartiere dove abbiamo tutto quello che ci serve: negozi, supermercati, bar, ristoranti e un bel viale dove fare quattro passi. E poi, da qualche anno, parcheggiare in centro è diventato un problema. Ma ieri dovevamo sbrigare degli affari e abbiamo derogato per un giorno dalle nostre abitudini.
Pioveva a dirotto, abbiamo parcheggiato l’auto con una certa sofferenza e ci siamo avviati per via Puskin. In macchina di solito abbiamo un solo ombrello, ci siamo abbracciati stretti io e mia moglie, non per altro, per riparaci dalla pioggia. (altro…)

Leggi tutto




Chisinau on ice

2014/12/09, 06:46


ghiaccio

In questi giorni sto assistendo ad un fenomeno atmosferico davvero curioso: la pioggia che ghiaccia. Non avevo mai visto nulla del genere. Le temperature sono sotto lo zero e piove! Ma non dovrebbe nevicare? Io, meschino, sapevo che le precipitazioni nevose si formano quando la temperature sono intorno allo zero. Ieri a Chisinau c’erano meno due gradi… e pioveva. La pioggia non appena toccava terra ghiacciava, si formava una lastra di ghiaccio alta alcuni millimetri. Una patina di ghiaccio scivolosissima invisibile ad occhio nudo che rassomiglia al vetro. Risultato? Circa duecento cittadini hanno avuto bisogno di cure mediche per fratture degli arti dopo una caduta. (altro…)

Leggi tutto




Il frutto proibito

2014/12/08, 06:31


mele

I produttori moldavi di mele sono alla bancarotta. I magazzini rigurgitano di tonnellate di mele invendute. Sugli alberi marcisce il raccolto e il mercato interno è ormai saturo. I coltivatori non sanno a quale santo rivolgersi per smaltire le grandi quantità di mele.
Le mele moldave forse non avranno un bel aspetto ma sono molto gustose e saporite. Nei supermercati e nei mercatini rionali se ne trovano in grande quantità a prezzi stracciati. Una regola ferrea del mercato è che quando l’offerta supera di gran lunga la domanda il prezzo del prodotto scende. A Chisinau puoi comprare un chilo di mele a pochi centesimi di euro. (altro…)

Leggi tutto