Il cliente senza ciglia (6a parte)

2016/09/27, 14:50


Raisa si alzò per riempire i nostri bicchieri. Vuotai il mio in un colpo solo, lei fece altrettanto. Eravamo scossi tutti e due.

– Natalia deve aver scoperto la verità su suo marito leggendo quei racconti – riprese – e istantaneamente avrà provato una profonda avversione per l’uomo che aveva incarcerato suo padre. Natalia, come del resto tutta la famiglia, avrà sempre creduto fermamente nell’innocenza di suo padre.

– Ora, rimane soltanto da cercare il motivo per cui è stata uccisa.

– Può darsi che abbia minacciato il marito e che questi, fuori di sé, le abbia fracassato la testa in preda all’ira.

Mi ero alzato e passeggiavo su e giù per la stanza.

– Uhm! – Diedi un’occhiata al mio bicchiere vuoto, Raisa andò a prendere la bottiglia. Mi servii generosamente.

Leggi tutto




Il cliente senza ciglia (5a parte)

2016/09/24, 17:27


La mattina seguente, venerdì, decisi di andare in ufficio più tardi, fuori faceva un freddo cane, rimasi a poltrire sotto le coperte un po’ più a lungo.

Verso le dieci mi alzai, mi feci la barba e mi preparai un caffè con la vecchia mitica moka da una tazza. Di solito accompagnavo il caffè con qualche biscotto di Bucuria, una marca di dolciumi locale, il “Mulino Bianco” moldavo. Mi accorsi con disappunto che la scatola di biscotti, così come il frigorifero, era vuota. Dovevo assolutamente andare al supermercato a fare la spesa!

Mezz’ora più tardi, appena giunto in ufficio, telefonai a Vadim, era occupato in una riunione. Decisi di andare a trovarlo.

Vadim era di pessimo umore, mi accolse con un brontolio e batté il palmo della mano su una cartella piena di documenti che si trovava sul tavolo.

Leggi tutto