Il timbro dello zar

by nikita


2011/11/23, 10:00



pietroilgrandeIn molti paesi dell’est Europa, Russia compresa, per indicare una persona dedita all’alcool o ubriacona si fa uno strano gesto, si indica o si colpisce con il dito indice il collo. È un gesto molto comune anche in Moldova, si fa uno strano movimento con il pollice e l’indice che, in italiano approssimativo, si dice… “scliccare”. Un gesto nuovo per noi italiani perché nel nostro paese si fanno altri gesti con le mani per far capire al tuo interlocutore la propensione a bere un bicchiere di troppo: quello più in uso è atteggiare la mano con il pollice e l’indice aperti per indicare la bocca. Una moldava mi ha raccontato una originale storiella che io riporto, sta a voi fare le verifiche del caso se trattasi di leggenda metropolitana o la spiegazione antropologica di uno strano gesto.

Pare che Pietro il Grande, lo zar fondatore dell’impero russo, un omone alto due metri con una grande predisposizione alla conquista, nonché fondatore della bella città che porta il suo nome, durante il suo regno era solito ricompensare i cittadini che si erano contraddistinti per l’abnegazione verso il re e la patria con opere straordinarie o gesti eclatanti con un “marchio regale”o tatuaggio indelebile sul collo, a imperitura memoria, affinché tutti i cittadini dell’impero sapessero con chi avevano a che fare.

Questi fortunati cittadini “tatuati”avevano una serie di privilegi, quelli che noi oggi chiameremo “bonus” o servizi gratis, uno di questi era che potevano consumare cibi e bevande senza pagare un soldo in qualsiasi locanda dello sterminato paese. Ovviamente questi signori per poter usufruire del “bonus” dovevano mostrare all’oste il “timbro dello zar” e per far ciò si scoprivano il collo ed indicavano il marchio regale, facendo quel gesto famoso del quale io, molto modestamente, cerco di spiegarne la provenienza. Anche all’epoca di Pietro il Grande i russi avevano una marcata predilezione per il bere più che per il cibo, ed è facile immaginare che i signori fortunati in questione più che per mangiare usavano il “timbro”… per bere.

Sembra che questa sia la spiegazione antropologica del gesto che accomuna tutti i bevitori dell’est Europa. Quindi bisogna risalire alla magnanimità di Pietro e alla sua idea originale per trovare la spiegazione del gesto e non si può che convenire che lo zar sapeva benissimo come ricompensare i sudditi per i loro servigi, faceva loro il regalo più gradito: potevano bere fino ad ubriacarsi senza pagare un copeco.

 

 Nikita 


Nesuno commento

Aggiungi commento:

You must be logged in to post a comment.